Rischio Listeria: le analisi come strumento di prevenzione

 

 

 

Tra le malattie infettive di origine alimentare che colpiscono al giorno d’oggi i Paesi occidentali c’è la Listeriosi, un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes che , anche se rara, comporta elevati tassi di ricovero ospedaliero e mortalità.

Il batterio in questione è molto diffuso nell’ambiente e si trova comunemente nel suolo, nell’acqua, nella vegetazione e nelle feci di numerose specie animali; i cibi contaminati attraverso i quali l’uomo può contrarre la malattia sono sia di origine animale che vegetale. Il microrganismo è stato isolato in: latte crudo, formaggi molli, carne fresca e congelata, pollame, prodotti ittici e prodotti ortofrutticoli crudi.

Come la gran parte dei batteri, la Listeria monocytogenes è sensibile al trattamento termico, tuttavia il range di temperatura per la sua sopravvivenza è molto ampio, in particolare tollera le basse temperature e gli ambienti salati.

 

Di recente, ceppi di Listeria monocytogenes sono stati riscontrati in ortaggi surgelati la cui contaminazione suggerisce o una scarsa efficacia delle procedure di trasformazione delle materie prime oppure una inefficienza dei processi di sanificazione delle superfici di lavoro. La migliore strategia per evitare la diffusione di focolai infettivi è la prevenzione che si può attuare applicando le norme di igiene del processo e monitorando la produzione attraverso controlli microbiologici prestabiliti sia di superfici che dei prodotti nelle diverse fasi di lavorazione.

 

Il decreto n. 3746 del 20 giugno 2014 stabilisce che i prodotti ortofrutticoli di quarta gamma devono soddisfare i requisiti igienico-sanitari minimi, ossia devono essere sottoposti ad almeno due cicli di lavaggio, la temperatura di conservazione delle materie prime, dei semilavorati e dei prodotti finiti deve essere inferiore agli 8°C e la temperatura degli ambienti di lavoro non deve superare i 14°C; è importante quindi attuare un efficace controllo della temperatura lungo tutta la catena di produzione, distribuzione e conservazione degli alimenti, anche in ambiente domestico.

 

Per valutare l’efficacia del processo di trasformazione e la qualità microbiologica del prodotto è necessario effettuare presso laboratori accreditati le analisi microbiologiche indicate nel suddetto decreto che prevede oltre alla Conta e alla Ricerca di Listeria monocytogenes, anche la conta degli E. coli e la Ricerca di Salmonella.

 

Agro.Biolab Laboratory, partner delle aziende agroalimentari, ha da lungo tempo attivato una sezione dedicata ad analisi microbiologiche su alimenti destinati al consumo umano ed animale, acque e campioni ambientali.

Il laboratorio effettua prove accreditate per l'identificazione e quantificazione dei microrganismi patogeni e degli indicatori di igiene nei processi di produzione degli alimenti. Le tecniche analitiche applicate, comprendono un’ampia gamma di metodiche ufficiali ISO, APAT, ISTISAN.

Relativamente all’analisi della Listeria monocytogenes, Agro.Biolab Laboratory, opera secondo il protocollo definito dalle norme UNI EN ISO 11290-2:2017 e UNI EN ISO 11290-1:2017, l’analisi è accreditata ACCREDIA.

 

Le competenze in ambito microbiologico del laboratorio si estendono anche a prove di stabilità e studi di shelf life delle conserve alimentari.

Le prove microbiologiche completano un’ampia offerta di prove chimiche per le quali Agro.Biolab Laboratory opera con efficienza e professionalità al servizio delle imprese del settore agroalimentare.

 

Per maggiori informazioni contattare i nostri referenti commerciali:

 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Ultime News

03 Agosto 2018, 11.43
    Per garantire elevati standard di produzione e al contempo per difendere le colture...
18 Luglio 2018, 10.08
    La valutazione delle prestazioni relative al Ring Test QS – Spring 2018 conferma nuovamente la presenza ...
13 Luglio 2018, 17.17
    Tra le malattie infettive di origine alimentare che colpiscono al giorno d’oggi i...

Login